09/01/2017 – C’è Piumino e Piumino. 

Anzi, prima ancora sarebbe meglio dire che c’è il piumino e la piuma; anche se entrambi si ritrovano sul manto di oche ed anatre, tra piumino e piuma la differenza è notevole. Il piumino si presenta come un vero e proprio fiocco tridimensionale privo di asta centrale (rachide) tipica invece della piuma; questo fiocco è costituito da un nucleo centrale e numerosi sottilissimi filamenti elastici che sono alla base del suo ineguagliabile potere isolante.

La piuma è setosa alla base con rachide leggermente arcuato e filamenti fitti e ben sviluppati. Ha il solo scopo di guscio di protezione dall’acqua e dal vento, ma è il piumino a mantenere costante la temperatura corporea. Per questo, mentre la piuma è adatta al riempimento di cuscini, il piumino è perfetto per l’abbigliamento.

Il piumino è un fiocco autonomo, privo dell’asta centrale (rachide) che sostiene la piuma. Nasce sotto le ali, sulla pancia e sul collo degli anatidi ed è la parte più nobile del piumaggio. Pesa un decimo di una piccola piuma. E in un grammo di piumino si contano tra 350 e 600 fiocchi circa. Sono i suoi filamenti sottilissimi a renderlo elastico e a formare le cellule d’aria che mantengono la temperatura corporea in modo naturale.

Il piumino rappresenta quindi la parte nobile del piumaggio e, contrariamente alla piuma, è presente in quantità minima sul manto di ogni animale, da 20 a 35 grammi al massimo. Da qui la sua preziosità. Come detto, il peso di un singolo fiocco può essere fino 10 volte più basso paragonato a quello della più piccola piumetta; non deve quindi meravigliare che un solo grammo di piumino d’oca possa contenere oltre 500 di questi fiocchi. Questa grande differenza fa si che la qualità di una imbottitura venga definita dalla quantità di piumino rispetto alla quantità di piuma. Pur considerando che una presenza minima di piccole piumette, non più però del 7%, enfatizza l’elasticità dell’imbottitura stessa, ad una maggiore presenza di piumino corrisponderà inevitabilmente una maggiore qualità dell’imbottitura in termini di sofficità, leggerezza e volume.

Quindi l’imbottitura migliore sarà composta da non meno del 93% di piumino e da non più del 7% di piumetta.